Biglietti da visita, come crearne di efficaci?

Biglietti da visita quanto sono efficaci e come realizzarli al meglio?

 

Qualsiasi attività ha bisogno del suo biglietto da visita, non bastano le presentazioni online, non bastano i siti web e soprattutto non bastano i social. La carta da visita è un rettangolino solitamente lungo 8,5 cm x 5,5 cm di altezza che contiene le informazioni principali di un’azienda e mette in risalto ciò di cui ti occupi.

I biglietti da visita sono ancora essenziali: potrebbe succedere di essere in un bar, un venerdì sera qualsiasi, con gli amici di una vita e parlando con il titolare scopri che stanno cercando una figura come la tua su cui investire per migliorare il locale.

Ed ecco che il tuo spirito commerciale si sveglia, nonostante magari ti sei promesso prima di uscire di non parlare di lavoro (ma si sa per noi imprenditori è difficile staccare davvero la spina da quello che si fa!) e cominci a raccontare quello di cui ti occupi e, ispirato da una birra, come potresti essere d’aiuto alla sua attività. Ma di tutte queste chiacchiere come possiamo lasciare un ricordo fisico?

Ed ecco che qui entra in gioco il biglietto da visita! Diamo valore a ciò di cui abbiamo parlato con una business card accattivante e completa di tutti i tuoi dati che lascerai al tuo ormai potenziale cliente.

È qui che inizia la sua efficacia: magari il giorno dopo, sopraffatto da tutti gli impegni del sabato il gestore del locale si dimentica della conversazione avvenuta la sera precedente, ma a weekend concluso quando sistemerà il bancone, troverà il tuo biglietto e segnerà su Google Calendar di chiamarti il giorno successivo.  Affare fatto!

biglietti da visita gaphic

Quali dati inserire nel biglietto da visita?

 

Un biglietto da visita deve organizzare in modo ordinato tutti i dati aziendali essenziali in un unico posto ed è un potente strumento di networking. Nello specifico il mio consiglio è quello di inserire:

  • Logo
  • Nome azienda
  • Slogan
  • Il tuo nome
  • Professione
  • Sito web
  • Recapiti (e-mail, numero di telefono, indirizzo)
  • Partita iva

Più sei chiaro, ordinato e completo più le persone si fideranno di te. Conoscere tutti i dati principali di un’azienda per un potenziale cliente è davvero fondamentale in quanto si sentiranno in grado di prendere contatto con te per qualsiasi necessità attraverso vari canali di comunicazione e si sentiranno quindi più tranquilli e sicuri.

 

Biglietto da visita: racconta chi sei!

 

La business card è una splendida opportunità per poter raccontare di te e della tua attività attraverso grafica e colori. In pochi cm2 puoi comunicare ai tuoi potenziali clienti chi sei, cosa fai, come lo fai, quale è il tuo spirito e la tua brand identity.

Presta molta attenzione alla fase creativa del biglietto, il mio consiglio è quello di investire su una figura professionale che crei una grafica ed una struttura studiata ad hoc (se ti va posso aiutarti!) in linea con la tua attività e la tua persona. Evita di utilizzare layout preimpostati, ci sono milioni di aziende che li usano ed il rischio (a mio parere molto alto) è quello di avere un biglietto simile o addirittura identico ad un’altra attività.

Il tuo biglietto da visita lascerà un ricordo duraturo nel tempo, vuoi confonderlo con quello di qualcun altro?

 

Biglietti da visita: possono avere altri utilizzi!

 

Vi racconto di questi biglietti da visita disegnati per la boulangerie parigina French Bastards che oltre ad essere, a mio parere molto eleganti, sono anche pratici.

biglietti da visita esempio
Queste business card hanno la funzione aggiuntiva di essere carte fedeltà, dove i clienti ricevono un timbro per ogni acquisto. Idea geniale per un biglietto da visita, in quanto oltre alla sua funzione base, fidelizza i clienti, costruisce fiducia nel brand e si imprime nella memoria di quei fortunati che mangiano deliziosi pan au chocolat!

Biglietti da visita: scelta dei materiali

 

È vero la carta è sempre la carta ma non tutte sono uguali e non è l’unico materiale utilizzato! A partire dallo spessore del cartoncino fino ad arrivare alla scelta del tipo di carta le possibilità sono davvero molto ampie. Solitamente per i biglietti classici si utilizza una grammatura di 350 gr/m², che è una via di mezzo tra carta e cartoncino. Mentre la carta può essere di tipo patinato, opaco o lucido a seconda del progetto o delle preferenze personali. Per progetti con uno stile vissuto, vintage, invece, si opta generalmente per cartoncini offset (o anche la carta riciclata) che danno un effetto più grezzo, naturale.

Un altro dei materiali frequentemente utilizzato è il PVC. Questo materiale plastico, molto diverso dalla carta, consente l’applicazione di migliorie particolari per rendere il biglietto da visita durevole e originale. Con questo materiale, il biglietto da visita diventa simile ad una carta di credito, sia per dimensioni che per composizione.

 

La stampa a volte può diventare un problema!

 

Hai deciso la grafica, hai deciso i colori, hai ricontrollato mille volte che i dati inseriti sono corretti, hai scelto il materiale, finalmente si va in stampa!

Sei tutto entusiasta, inserisci il file pdf del tuo biglietto sul sito di stampa e… ti escono tagliati!

Vediamo nel dettaglio di che cosa bisogna tenere conto per non incorrere in questo problema. Quando si crea un biglietto da visita bisogna definire:

  • L’area di taglio: è la linea che misura le dimensioni del biglietto, a causa delle tolleranze meccaniche del processo di stampa, il taglio effettivo può avvenire in qualsiasi punto compreso tra la linea di abbondanza e la linea di sicurezza. Ecco perché è importante mantenere il testo e le immagini importanti all’interno della linea di sicurezza e all’esterno dell’area di taglio.
  • La linea di abbondanza: i bordi del documento vengono chiamati linee di abbondanza. Per evitare la presenza di bordature bianche non desiderate, assicurati di estendere eventuali colori o elementi di design dello sfondo fino ai bordi del documento stesso.
  • La Linea di sicurezza: Le linee di sicurezza sono limiti all’interno dell’area in cui avviene il taglio. Posiziona tutte le informazioni necessarie – ad esempio, nomi, indirizzi, numeri di telefono o loghi – all’interno della linea di sicurezza per evitare che vengano esclusi dal biglietto dopo il taglio.

Tranquillo, trovi già i modelli sui principali siti dedicati alla stampa con queste aree disegnate, dovrai solo utilizzare i giusti programmi (per esempio Adobe illustrator) per apporre la tua grafica. Oppure affidati ad un professionista!

stampante

Biglietti da visita dove posso stamparli senza spendere un patrimonio?

 

Ci sono moltissimi siti che si occupano di grafica e di stampa ti cito e lascio i link dei più conosciuti ed affidabili, che inoltre fanno spesso ottime promozioni con la quale otteniamo una buona stampa ad un prezzo davvero irrisorio:

 

Biglietti da visita ultimo consiglio!

 

Indeciso sull’efficacia del biglietto? Chiedi un parere onesto! Per assicurarti che il tuo biglietto comunichi chiaramente tutto quello che desideri rivolgi a qualcuno di fiducia le seguenti domande:

  • Qual è la prima cosa che vedi?
  • È chiaro quello che faccio?
  • I canali contatto sono ben visibili e chiari?
  • Il testo è facile da leggere o devi sforzarti?
  • C’è abbastanza contrasto tra il logo e il testo e lo sfondo?
  • I colori sono in armonia?

 

Spero di esserti stata utile e per qualsiasi informazione, consiglio o preventivo gratuito non esitare a contattarmi!

 

Realizzazione di biglietti da visita personalizzati

Crea un biglietto da visita che ti identifichi ed in linea con la tua identità aziendale.  la tua attività investendo sulla cosa principale: chi sei!

Raccontami del tuo progetto:

13 + 4 =